Un nuovo documento per i cittadini europei in UK?

La proposta arriva da Amber Rudd, contestata mesi fa per aver proposto di schedare i lavoratori stranieri. La ministra per gli affari interni riferisce ai parlamentari inglesi che c’è la necessità di fornire ai cittadini europei che vivono in UK un documento di identità nuovo per distinguere gli europei che già vivono nel Regno unito da quelli arrivati dopo la Brexit.

Negli ultimi mesi burrascosi più di 100,000 europei che vivono in UK hanno richiesto al ministero degli interni inglese (Home Office) di accedere ai documenti di residenza permanente. Questo aumento delle richieste rischia di mandare in tilt il sistema della richieste, che solitamente processa circa 25,000 domande al giorno. Inoltre il sistema di registrazione sarebbe da aggiornare, considerando che consiste in una domanda da 85 pagine (secondo il Migration Observatory, ci vorrebbero 140 anni per registrare tutti i 3 milioni di cittadini europei che vivono nel Regno Unito).

5156

Un altro problema da affrontare con la nuova documentazione riguarda i lavoratori stagionali agricoli e soprattutto gli Irlandesi, specialmente in Irlanda del Nord, parte del Regno ma dove la maggior parte dei cittadini possiede un passaporto della Repubblica Irlandese.

Amber Rudd ha dichiarato comunque che per ora niente è certo, ma si cercherà un modo per risolvere questi problemi sfruttando anche tutta la tecnologia e le competenze necessarie per fornire ai cittadini europei la possibilità di registrarsi e rimanere sul territorio britannico a lavorare.

bn_radio_02 YesRadio!

Post Author: The Italian Zone

Leave a Reply