L’arte racconta la storia LGBT alla Tate di Londra

Sarà in mostra alla Tate Britain la prima mostra dedicata all’arte Inglese sull’arte che meglio racconta la tematica queer. Dal 5 aprile fino al primo ottobre.

La comunità LGBTQ raccontata dalle opere dalle le più scherzose alle più controverse. I quadri vanno dal 1861 al 1967, date non a caso: nella prima data fu abolita la pena di morte per gli atti di sodomia mentre nel 1967 grazie al Sexual Offences Act vennero  riconosciuti i rapporti omossessuali tra adulti consenzienti nella vita privata.

queer art

L’arte durante quei tempi ha rappresentato una via di fuga e un messaggio alla comunità, diversi artisti si sono cimentati per realizzare con le loro opere la complessità della tematica. La libertà sessuale e di genere venivano accettati solo come rappresentazione artistica nei grandi teatri d’Inghilterra, insomma potevano essere opere solo di finzione.

La mostra espone opere di Francis Bacon, Gluck, Cecil Beaton ed anche artefatti moderni come raccolte vide, documenti, riviste antiche, foto e oggetti personali, presi da qualche film o di uso comune nelle varie epoche.

La mostra è a pagamento: £16.50

INFO

 

Post Author: Giulia Livia