Queen's walk

Queen’s Walk, una passeggiata per vivere Londra

Londra è una città frenetica e sempre in costante fermento e movimento e appare che le persone corrano con lei. Forse la dinamicità di questa metropoli è proprio il magnete che attira folle di persone ogni anno, per turismo, lavoro o semplice divertimento. Eppure non bisogna dimenticare che Londra è prima di tutto un luogo in cui vivono 8milioni di abitanti: vivono non abitano. Proprio per questo motivo penso che il modo migliore per conoscere e sentire propria una città sia girandola a piedi, fermandosi ad osservare tutto ciò che cattura l’attenzione dei nostri occhi, una colonna, il Tamigi, un fiore, una grata, una finestra… insomma il mondo che ci circonda. Camminare è il metodo migliore, forse l’unico per godere di un percorso, entrarci dentro. Cesare Pavere scrive che “A piedi vai veramente in campagna, prendi sentieri, costeggi le vigne, vedi tutto. C’è la stessa differenza che guardare un acqua o saltarci dentro”. Niente di più vero. Vi propongo quindi di fermarvi un attimo, prendervi del tempo e vivere ciò che questa meravigliosa città può offrirvi. Uno dei luoghi più belli dove potete calpestare la città è il Queen’s walk, un camminamento lungo diverse miglia nel cuore della capitale inglese.

Tower Bridge

Il percorso comincia con la vista del Westminster Bridge e del Big Ben, l’orologio più famoso al mondo. Da quì, dopo esservi presi il tempo necessario, potete inziare il Queen’s walk che, costeggiando la riva sud del Tamigi, vi accompagnerà fino al Tower Bridge. Questo magnifico accesso pedonale è stato voluto dalla Regina Elisabetta II per festeggiare le sue nozze d’argento. I lavori iniziarono nel 1977 ma furono ultimati solo nel 1990. Ecco quindi spiegata la ragione del nome, Queen’s walk, appunto, la Passeggiata della Regina. L’ora più suggestiva, a mio avviso, è la sera, quando la città comincia a svuotarsi e le luci iniziano lentamente ad accendersi nelle case e negli edifici. Il gioco di riflessi nelle scure acque del Tamigi è qualcosa di unico: un emozione più da vivere che da raccontare. Potrei farvi l’elenco completo di tutti i monumenti più e meno famosi che potrete incontrare lungo il tragitto ma non lo farò, sarebbe come svelare il finale di un film. Se ne avete la possibilità chiamate un amica, incontratevi con l’amore della vostra vita o mettete il guinzaglio al cane e fatevi il regalo più prezioso di tutti: il tempo.

Post Author: michele