AIRE

A.I.R.E.: a cosa serve? Quali diritti consente di acquisire?

La Brexit spaventa. Il clima che si respira quì a Londra è di febbricitante fermento. Attesa. Nell’attesa di un futuro più concreto si tenta di correre ai ripari come meglio si può, motivo per cui gli italiani che risiedono in Inghilterra stanno correndo in massa ad iscriversi all’A.I.R.E., nella speranza che questo li possa tutelare nel divorzio da Bruxelles. Per quanto sia una realtà scomoda, l’incertezza sul futuro post Brexit non potrà essere chiarita ancora per molto tempo, ma almeno cerchiamo di fare trasparenza su certi aspetti ad essa collegata. Oggi affrontiamo il tema A.I.R.E..

Di cosa si tratta esattamente? Quali diritti consente di acquisire?  L’A.I.R.E. è l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero ed è stata istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470.

brexit

Chi può fare l’iscrizione? L’iscrizione è riservata ai cittadini che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori a 12 mesi o a quelli che già vi risiedono perché nati all’estero o per successivo acquisto della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo.

Quali diritti consente di acquisire? Primo fra tutti, attribuisce la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’U.E.. Consente poi la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni e di rinnovare la patente di guida.

L’iscrizione all’A.I.R.E. è completamente gratuita.

Ricordo quindi che la corsa all’iscrizione all’A.I.R.E. consente di acquisire dei diritti connessi al possesso della cittadinanza italiana e non inglese. Non attribuisce il diritto di restare a tempo indeterminato in Inghilterra e men che meno garantisce tutti quei diritti che spettano ai britannici in quanto cittadini inglesi.

Inutile correre. Inutile il panico. Per avere altre risposte non resta che attendere.

Post Author: Soraya Pedone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *