speakeasies

Speakeasies e Secret Bars, i locali segreti di Londra

La vita notturna londinese, tra bar, nightclub e pub, riserva molte sorprese. Tra queste, troviamo gli Speakesies, o Secret Bars, locali nascosti in stile retro ai quali si accede dai punti più inattesi.

L’idea originale di “Speakeasy” si è formata negli USA, durante gli anni del proibizionismo. Il termine può essere tradotto con “parlare semplice”, che si riferisce all’uso di parole in codice insospettabili per poter consumare alcolici, nei bar.

In seguito, ci si è affidati a questo nome per richiamare un ambiente peculiare, che va dal richiamo dei roaring twenties, alla scelta di decorazioni alternative, fino a segni distintivi curiosi, come ad esempio dipendenti vestiti esclusivamente in stile hipster.

Tuttavia, non sarebbero veri Speakeasies se fossero semplici da trovare! Molti locali segreti si nascondono in luoghi impensati.

The King of Ladies Man, a Battersea, si raggiunge dalla lavanderia di The Breakfast Club, noto per i suoi brunch. Nello stesso café, vi basterà aprire la porta del frigorifero per accedere a uno degli hidden bar più noti, The Mayor of Scaredy Cat Town.

A Hackney, se volete trovare La Cabina dovrete digitare il numero 2-5-8-0 al tastierino di una cabina telefonica, che troverete a bordo strada. Nello stesso quartiere, inoltre, dovrete cercare di “passare attraverso” uno specchio tra i molti di un bar in stile Vittoriano, per riuscire a entrare nel Looking Glass Cocktail Club.

Spostandovi ad Earls Court, dovrete prendere appuntamento con un’agenzia investigativa per ottenere l’accesso all’Evans & Peel, locale dalle atmosfere grunge che mette insieme elementi di vecchie chiese.

Al di là di quelli nascosti dietro porticine camuffate o stanze private, gli Speakeasies possono essere semplicemente molto difficili da individuare. Alcuni potrebbero necessitare di prenotazione, poichè gli spazi sono spesso limitati. In altri, magari vi capiterà di dover parlare di peli di cane (alias: conoscere una parola d’accesso) lungo il marciapiede.

Per cui, rimboccatevi le maniche, armatevi di pazienza e cercate bene tra le vie secondarie di Londra: tra shop imponenti e rientranze anonime, potrebbe aspettarvi un’esperienza unica nel suo genere.

 

Post Author: Lara Corsini

Leave a Reply