unite-for-europe

Unite for Europe: in marcia verso il Parlamento per rimanere in Europa

Con la firma da parte della Regina Elisabetta, il percorso verso la Brexit prosegue senza sosta, alle porte dei 60 anni dal Trattato di Roma. Sabato 25 Marzo cade, infatti, l’anniversario della firma che ha unito i primi Stati nella Comunità Economica Europea.

Quale occasione migliore per marciare verso il Parlamento e manifestare la volontà di rimanere nell’Unione?

Sabato 25, a partire dalle 11.00, il collettivo pro-RemainUnite for Europe” ha organizzato una marcia nazionale pacifica a Londra, che prenderà vita da Park Lane e si snoderà tra le vie del centro, dirigendosi verso il Palazzo di Westminster.

L’evento si aggiunge alle numerose dimostrazioni susseguitesi fin dalle prime settimane dopo il voto per la Brexit, primi tra tutti i rallies di protesta del 2 Luglio e del 3 Settembre 2016.

L’obiettivo della manifestazione è riunire tutti coloro che vogliono far “sentire la propria voce, rimanere membri del Mercato Unico” e quindi continuare a far parte dell’Unione Europea, o quantomeno dare un valore all’opinione espressa dal 48% dei votanti, nel Referendum del 23 Giugno che ha letteralmente diviso il Regno Unito.

Ad oggi, i singoli aderenti tramite Facebook ed Eventbrite superano già quota 20mila, una massa che si radunerà nel cuore della City per essere ascoltata e dichiarare che “it’s not ok“, ovvero che la situazione attuale non va bene.

L’invito all’azione recita chiaramente il tono che la marcia vuole assumere: chi parteciperà, dirà no all’odio e alla divisione, chiedendo garanzie per i cittadini UE residenti e contribuenti nel Regno Unito, ma anche per chi non è d’accordo con questa transizione, soprattutto la fascia giovane della popolazione.

La Unite for Europe March avverrà in contemporanea con altri eventi a sostegno degli obiettivi comuni dell’Unione Europea, da Bruxelles a Berlino, da Edimburgo fino a Roma, dove avranno luogo le celebrazioni ufficiali per l’anniversario del Trattato.

Nel frattempo, le ultime evoluzioni sembrano confermare che il governo di Theresa May darà il via ufficiale all’iter di divorzio dall’Europa il 29 Marzo, appellandosi all’articolo 50 del Trattato di Lisbona.

 

Post Author: Lara Corsini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *