Londra costo della vita

Costo della vita: Londra precipita al 25° posto tra le città più care al mondo

Londra è una metropoli senza dubbio costosa: per anni, le statistiche hanno posto la City nella top 10 delle mete più care al mondo, tanto per vivere quanto a livello turistico.

L’ultimo studio dell’Economist, tuttavia, interrompe bruscamente questa tendenza, ridimensionando il costo della vita per l’intero Regno Unito, soprattutto a causa della Brexit.

A seguito del Referendum di Giugno, il prezzo della Sterlina è crollato e, nonostante il recupero dei mesi successivi, il cambio verso le altre valute è rimasto a livelli molto competitivi, causando un abbassamento generale dei prezzi.

Di conseguenza, se prima Londra orbitava tra il 4° e il 6° posto delle città più care al mondo, la nuova stima dell’Economist la vede scivolare di 18 gradini, finendo alla 24esima posizione, la più bassa degli ultimi 20 anni.

La classifica coinvolge, oltre alla capitale inglese, anche la città di Manchester, che crolla dal 26° posto del 2016 al 51° per il 2017 – il più ampio margine di peggioramento tra tutti i luoghi presi in esame.

La continua evoluzione delle trattative per la Brexit, tuttavia, potrebbe rendere questo ridimensionamento dei costi una condizione temporanea.

L’incremento delle barriere commerciali da e per l’Europa causerà, secondo chi ha stilato il report, una spinta inflazionistica, che potrebbe portare a una nuova crescita della sterlina, oltre ad un aumento sostanziale dei costi d’importazione.

Su prezzi e valuta influiranno molto le decisioni riguardo al trasferimento degli investitori e delle grosse aziende con sede a Londra (come ad esempio Goldman Sachs), che per ammortizzare dazi e tassazione stanno già spostando l’interesse su altre città europee, come Francoforte, Parigi o Milano.

Inoltre, la prospettiva della Brexit non rende esenti dall’effetto di nuove crisi in Unione Europea, almeno in questa fase di transizione. Il gruppo di studio dell’Economist afferma, infatti, che il Regno Unito sia tra i più esposti alla fragilità economica di alcuni stati membri, primo tra tutti la Grecia, afflitta dal debito pubblico.

Post Author: Lara Corsini

Leave a Reply