Attentato Londra

Ultimo saluto a Keith Palmer, il poliziotto ucciso nell’attentato a Westminster

Si chiamava Keith Palmer, l’agente che il 22 marzo scorso aveva provato a fermare Khalid Masood durante l’attacco a Westminster ed era stato accoltellato a morte dall’attentatore. 
Il 10 Aprile Londra si è fermata per rendere omaggio a quell’uomo che ha tentato di fermare l’attentatore a costo della sua vita.
Migliaia di colleghi sono giunti a Londra da tutto il Regno Unito per omaggiare un amico, un collega, un eroe. Migliaia anche le persone, la gente comune, che ha voluto partecipare all’ultimo saluto a Palmer.
Attentato Londra
Con il consenso della Regina, la camera ardente è stata allestita all’interno della cappella di St Mary Undercroft a Westminster, di solito riservata ai parlamentari e ai capi di governo. Il feretro, è passato poi tra la folla, attraversando il cuore della Capitale inglese, da Westminster, luogo del tragico attentato, alla Southwark Cathedral, dove si è svolta la cerimonia funebre.
Keith Palmer era un poliziotto che serviva la Metropolitan Police da quindici anni.
Keith Palmer è stato un eroe quel fatale mercoledì 22 Marzo.
Ma Keith Palmer era anche marito e padre di una bambina di soli 5 anni.
Tra la folla c’erano anche loro, la sua famiglia, che sul carro funebre hanno voluto salutare la persona amata con la scritta: ” Number 1 Daddy, Papà numero Uno”.

 

 

Post Author: Soraya Pedone

Leave a Reply