Greenwick

Greenwich, un “luogo verde” tutto da scoprire

Greenwich è un quartiere del borgo reale londinese di Greenwich, uno dei 33 Borghi in cui è suddivisa Londra.

Il suo nome ha origini remote, fu infatti così denominato dagli antichi colonizzatori vichinghi che, vedendo questa zona così verde e lussureggante, la chiamarono Grenewic, che significa “luogo verde”, da green, “sulla baia” da wich. Arrivando a Greenwich si vede ancora quello che videro secoli fa i Vichinghi: una distesa di verde che corre lungo dolci pendii fino ad arrivare alla riva del Tamigi.

Il villaggio, di origine Medioevale, conobbe il suo massimo splendore con la dinastia dei Tudor e fu infatti luogo di nascita di Enrico VIII ed Elisabetta I.

La fortuna di questo luogo è dovuta al suo passato marinaio la cui presenza è tutt’ora visibile al National Maritime Museum, nel veliero Cutty Shark, che nel 1869 vinse il record di velocità nel trasportare lana dall’Autralia o il tanto amato tè inglese dalla Cina, o infine nelle stanze dell’Old Royal Naval College.

La prima villa in stile palladiano, fu commissionata nel 1616 all’archiettto I. Jones dal re Giacomo I, per la moglie Anna, la quale morì prima di veder finita la costruzione. La villa, oggi nota come Queen’s House, ospita un’ampia collezione di dipinti raffiguranti il mare e la sua vita. Inoltre è famosa per la particolarità della sua scala interna, progettata da Jones con uno stile decisamente futuristico per l’epoca e tutt’ora ricca di fascino.

Greenwich

Greenwich deve il suo nome al verde di questa zona e infatti, l’attrattiva principale è l’omonimo parco. Fu strutturato come lo vediamo oggi da A. Le Notre, giardiniere di Versailles, nel 1660, e fu aperto al pubblico nel XVIII secolo. Il parco ospita alberi secolari, e durante la primavera si tinge di mille colori con i suoi molteplici fiori. Imperdibili durante la bella stagione, accanto alla Renger’s House, il viale di Cherry Blossom e il giardino delle Rose, in cui sbocciano ogni anno 100 varietà diverse di questi splendidi fiori.

Al centro del Parco sorge poi l’Old Royal Observatory, costruito dall’architetto Wren nel 1675. Nel 1948, una convenzione internazionale stabilì che, in riconoscimento ai meriti acquisiti dall’Osservatorio, tutti i cronometri del mondo e tutte le carte geografiche si sarebbero basate sul tempo e sul meridiano di Greerenwich, per l’appunto il meridiano zero, che divide il mondo fra est e ovest.

Un luogo tutto da scoprire, dove il questa stagione, la primavera fa da padrona di casa.

 

Post Author: Soraya Pedone

Leave a Reply