Bristol Harbour

Un giorno a Bristol, la city tra ponti e colline ai confini dell’Inghilterra

Tra le mete al di fuori di Londra che vi consigliamo, Bristol è indiscutibilmente ai primi posti: venite con noi in un tour giornaliero di questa city!

Bristol è la sesta città più popolosa dell’Inghilterra e si trova al confine con il Galles, nella parte sud-ovest della Gran Bretagna. Dal punto di vista amministrativo, è un’autorità unitaria, una contea e un distretto non metropolitano, che gode dello status di “city“.

Fondata attorno all’anno 1000 e ricca di resti ancora più datati, Bristol ha vissuto varie fasi, tra cui l’occupazione Normanna, che ha portato alla costruzione di un castello, ora ridotto a pochi residui. La città è attraversata dai fiumi Avon e Frome, ragion per cui nei secoli ha costituito un importante riferimento per il commercio portuale. Bristol ha subito pesanti danni in seguito ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, ma mantiene la propria identità storica e culturale.

Per raggiungere Bristol da Londra, si può scegliere il treno, un tragitto che a seconda della compagnia e dei cambi richiede 2-3 ore (da Paddington o Waterloo), oppure l’autobus, che viaggia per circa 3 ore. L’area è ben servita, quindi potrete tranquillamente prendere un mezzo la mattina presto e rientrare entro la mezzanotte a Londra, per una gita in giornata.

Chi, come noi, preferisce optare per l’autobus, arriverà alla Coach Station, nella parte nord della città.

Da lì, ci si può incamminare verso il centro, incontrando alcuni elementi caratteristici della cultura di Bristol.

Mentre ci si avvia in direzione del fiume, prendetevi un momento per assaporare lo storico mercato di St.Nicholas, che dal 1742 ospita il mercato rionale, fiere temporanee ed elementi di antiquariato, tra vie strette ed elementi architettonici deliziosi.

Bristol Market
Una delle entrate per il Mercato di St. Nicholas

Proseguendo fra le stradine e le vie pedonali, oltre alle architetture storiche di richiamo medievale, notiamo molti graffiti, che si incastrano tra un edificio monumentale e le abitazioni a misura d’uomo.

Bristol Banksy
Street Art originale di Banksy, nei pressi di Brandon Hill

Tra le altre cose, infatti, Bristol è la città d’origine dell’artista e writer Banksy, che da qui ha sviluppato il proprio stile di Street Art, dal ben noto sfondo satirico. Le pareti dei palazzi ci mostrano svariate opere di artisti a noi più o meno noti, ma passano alcune ore prima che, per caso, si riesca a trovare un Banksy originale, ai piedi di Brandon Hill.

Il Brandon Hill park offre una panoramica invidiabile sulla città, grazie a una torre medievale nel cuore del parco, che permette di avere una prospettiva più ampia di Bristol.

Da questo punto, si intravedono alcuni dei monumenti e dei punti più rinomati della città, che abbiamo visitato prima di arrivare alla cima della collina.

Bristol panoramica
Vista parziale panoramica dalla Torre di Brandon Hill Park

Una tappa essenziale va fatta nell’area portuale, che rappresenta l’anima commerciale, culturale e mondana del luogo. Il Bristol Harbour è il cuore della città e collega i vari quartieri del centro, con il Millennium Square, i musei d’arte, l’acquario, la zona dei teatri e quella dei locali storici, tra cui il pub più vecchio, il Llandoger Trow (datato 1664).

D’estate, l’area che circonda il porto si ravviva di eventi, fiere, attività per le famiglie e tanto altro ancora, mantenendo la possibilità di visitare vari musei e alcune tra le imbarcazioni storiche, tutt’oggi attraccate presso la banchina.

A pochi passi dalla piazza, sita nel quartiere di Canon’s March, potete immergervi nell’identità storica di Bristol grazie alla sua splendida cattedrale, visitabile gratuitamente: costruita nel 1140 come abbazia di St. Agostino, è stata poi convertita a diocesi anglicana nel sedicesimo secolo e ad oggi è uno splendido esempio di architettura gotica, che unisce elementi di stile normanno.

Bristol Cattedrale
La Cattedrale di Bristol, con il camminamento su College Green

Questa struttura monumentale domina il College Green, spazio verde racchiuso tra la cattedrale e la City Hall, insieme ad alcuni locali ed edifici più moderni.

Salendo l’area collinare dal green, si raggiunge la parte universitaria della città, vicina alla già citata Brandon Hill. Dopo una visita ai quartieri circostanti, ci si può dirigere di buona lena verso il quartiere di Clifton, camminando tra saliscendi, colline e abitazioni, lontane dalla parte più trafficata della città.

Oltre ad ospitare abitazioni pittoresche, curate con elementi di art deco e con colori che richiamano le località di mare, Clifton è nota per il proprio osservatorio, un ampio parco e soprattutto per il ponte sospeso, aperto nel 1864 sull’Avon.
Il progetto originario del ponte è stato condotto dall’ingegnere Isambard Kingdom Brunelun professionista tra i più rappresentativi dell’epoca vittoriana.

Nella zona di Clifton, una volta all’anno (10-13 agosto per il 2017), si tiene la Bristol Balloon Fiesta, manifestazione che in questa cornice pittoresca ha come evento principale il volo di decine di mongolfiere.

Bristol Christmas Steps
La via dei Christmas Steps, a nord del centro

Tornando verso la parte più urbana della città e in particolare nell’area settentrionale, ci imbattiamo nei rinomati Christmas Steps, una via finanziata nel 1669 da un commerciante di vino per collegare due piani diversi della città, che ora ospita 11 tra i più storici edifici cittadini, oltre ad attività commerciali storiche.

Ora separati a metà da una carreggiata, gli steps erano originariamente noti come Queene Street, prima di essere rinominati Knyfesmyth Street, nel middle english medievale, termine da cui si pensa derivi il nome contemporaneo.

La visita della città va a concludersi a metà tra antico e moderno, mentre ci incamminiamo di nuovo alla Coach Station: da un lato, si intravede l’edificio storico più antico della città, la chiesa cattolica di St.James Priory, datata 1129 e primo monumento a far parte dell’Heritage locale; sulla parte opposta, passiamo in mezzo al Bear Pit, spiazzo leggermente sotto al piano strada ricco di graffiti, che ospita gazebo ed eventi mondani.

Bristol, una city diversa da Londra e assolutamente consigliata, per respirare un’identità persa tra strade, vie d’acqua e memoria storica.

Post Author: Lara Corsini

Leave a Reply