ordigno

Bomba a Parsons Green, panico e feriti sulla metro londinese

Un’altra esplosione a Londra. Stamani, alle 8.25 locali, un rudimentale ordigno è deflagrato in un vagone della metropolitana sulla District Line, all’altezza della stazione di Parsons Green. Già poco più di due ore dopo il sindaco Sadiq Khan ha parlato apertamente di “attacco terroristico”: si contano attualmente più di una ventina di feriti, ma per fortuna nessuno è in pericolo di vita.

Quello di oggi è il quinto attacco che Londra subisce dall’inizio del 2017. L’esplosione è stata causata da una bomba in un cestino a sua volta coperto da una comune busta della spesa e attivata a distanza da un timer proprio durante un’ora di punta, quando migliaia di persone usano i mezzi pubblici per recarsi al lavoro. E’ successo nella zona sud-ovest della capitale, prossima a Fulham. Al momento sappiamo che sono state 22 le persone ad essere state portate in diversi ospedali per ricevere le cure a causa di ustioni o ferite, apparentemente, non gravi. Al momento del fatto molte persone sono scappate dal treno accalcandosi.

attentato londra

Dopo aver sentito Scotland Yard il sindaco Khan ha fatto sapere che sarebbe già stata identificata una persona la cui caccia è partita subito. Nel frattempo la District Line è stata bloccata e chiusa. Nel pomeriggio si è tenuto un incontro tra la premier Theresa May ed il comitato che si attiva per queste emergenze (Cobra): sono state rafforzate tutte le misure di sicurezza all’interno della città. Durante la mattinata c’è stato il tempo anche per il tweet di Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti, che ha rinfocolato una recente polemica nei confronti dell’amministrazione cittadina: “Un nuovo attacco a Londra – ha digitato Trump – da parte di un terrorista da quattro soldi. Si tratta di malati e dementi che sono già attenzionati da Scotland Yard. Perciò bisogna essere pronti !”. L’azione terroristica non è stata rivendicata.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply