A caccia dei responsabili della bomba, ci sono due sospetti

Sono finora due le persone arrestate per la bomba esplosa nella metro di Londra. Entrambi sono molto giovani: il primo è un 18enne fermato a Dover nell’area portuale, mentre il secondo, trovato ieri nella capitale britannica, è un 21enne che è stato subito interrogato dalla polizia di Scotland Yard.

Al momento il più giovane è ritenuto il principale responsabile dell’azione che ha portato a posizionare e poi a far esplodere a distanza l’ordigno. L’attentato di Parsons Green ha causato 30 feriti, tra cui un bambino di soli 10 anni, ma avrebbe potuto provocare conseguenze peggiori se le persone presenti non fossero riuscite ad uscire dal vagone. E’ stata una fortuna che la metropolitana della Direct Line fosse in procinto di fermarsi alla stazione nella zona prossima a Fulham.

parsons green

 

Tra i due sospettati ci sarebbe comunque un legame. Secondo le fonti della stampa britannica il principale sospetto sarebbe un profugo proveniente dalla Siria che, come tanti altri prima e come anche il 21enne arrestato a sud di Londra, erano stati affidati ad una coppia piuttosto celebre qui nel Regno Unito. Si tratta dei coniugi Jones che, dal 1970 ad oggi, hanno avuto in affido tra i 200 ed i 300 minori. In un’intervista rilasciata alla Bbc la ministra degli interni Amber Rudd ha chiarito come tutta la vicenda non sarebbe perciò opera di un ‘cane sciolto’, di un solo individuo impazzito. Ma nonostante la rivendicazione dell’accaduto da parte dello Stato Islamico ha sostenuto che non ci sarebbero ancora prove concrete delle responsabilità. C’è da aggiungere che ieri mattina è stato impedito il volo ad un aereo che da Parigi avrebbe dovuto arrivare a Londra a causa di una presunta minaccia terroristica. Falsa a quanto è sembrato alla fine di tutti i necessari controlli: alcune fonti confermano però che i passeggeri della compagnia British Airways sarebbero stati tutti perquisiti e solo successivamente reimbarcati per volare fino a Londra.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply