pounds

FPC – risultato dell’ultimo meeting del 20 Settembre 2017

Il Financial Policy Commitee nell’ultimo meeting ha rivisto le valutazioni effettuate nell’ultima riunione tenutasi il 21 Giugno 2017.

Il compito di questo organo istituzionale è quello di valutare la stabilità del sistema finanziario inglese a fronte dei rischi e delle situazioni avverse che deve prepararsi ad affrontare.

Il FPC ha valutato la situazione, dal punto di vista globale e domestico, come immutata. Tuttavia un eccesso di ottimismo può rappresentare un rischio potenziale per il futuro.

Economia globale e rischi di mercato – I rischi derivanti dall’indebitamento rimangono concreti senza contare la nascita di nuove e crescenti tensioni geopolitiche.

Il FPC sta valutando la resistenza delle maggiori banche ad eventuali severi shocks globali dei mercati come parte dell’annuale e ciclico stress test 2017 per gli istituti finanziari.

safe

Credito al consumo – se si può sostenere che la qualità del credito al consumo è migliorata dall’inizio della crisi finanziaria, è anche prudente non peccare di eccesso di ottimismo e non considerare il rischio di perdite in caso di recessione.

Il FPC ha risposto a questo rischio accelerando la sua analisi delle perdite su crediti in cui le banche possono incorrere in caso di profonda recessione, prevista nello scenario incluso nello stress test 2017.

Brexit – Il comitato sta continuando a valutare il rischio finanziario che può emergere quale effetto della Brexit, al fine di pianificare azioni e misure in grado di mitigarne gli effetti. I rischi considerati sono in particolare quelli derivanti dalla discontinuità nei contratti (in particolare di assicurazioni e derivati) tra UK ed le controparti EU27.

Capitale Bancario – Le maggiori Banche Inglesi hanno continuato e stanno continuando a costruire una solida capitalizzazione di base. A partire da Gennaio 2018, la maggior parte delle banche inglesi dovrà aderire ad un nuovo standard contabile (IFRS9). Questo sarà di supporto ad una maggiore stabilità in quanto consentirà di prevedere in anticipo perdite su crediti su tutti i contratti di finanziamento. D’altra parte l’FPC si assicurerà che i nuovi requisiti derivanti dall’applicazione del nuovo IFSR non interferiscano con la consueta attività di stress test e che non si traducano in ulteriore necessità di capitalizzazione.

http://www.bankofengland.co.uk/Pages/home.aspx

Post Author: Marina Osgnach

Leave a Reply