St Dunstan in the East

London and its unusual places: St Dunstan in the East

Si avvicina il tanto desiderato week-end e meteo permettendo – ma non ci faremo certo scoraggiare dalla leggera pioggerellina londinese e da un cielo cupo, qualche posto così, acquista ancora un maggiore fascino – lo passeremo all’aria aperta.

Oggi vorremmo portare all’attenzione di chi ancora non avesse avuto occasione di visitarlo, il St Dunstan in the East. Questo perchè, per quanto possiamo amare tutti questa incredibile città, sempre attiva ed in movimento, si può talvolta sentire il bisogno di una fuga nella tranquillità, senza però fare grandi spostamenti.

Lo spazio si trova a St Dunstan’s Hill, London, EC3R 5DD ed è aperto al pubblico tutti i giorni (fatta eccezione per le principali festività, Natale, Primo dell’anno ed il Boxing Day) dalle 8am alle 7pm o, a seconda di chi prima arriva, al crepuscolo…

Foto e filmati nel parco sono consentiti senza preventivo accordo, solo per uso personale ed è possibile affittare gli spazi per occasioni o celebrazioni private che includano un massimo di 45 persone. E’ ovviamente necessario osservare delle regole una volta all’interno.

Cosa troverete una volta all’interno del parco

La chiesa di St Dunstan è stata costruita originariamente nel 1100 e successivamente, intorno al 1391, è stata aggiunta una parte a sud ed è stata restaurata nel 1631. Nel 1666 è stata drammaticamente danneggiata dal Great Fire of London ed a seguito dell’incidente non è stata completamente ricostruita, ma semplicemente riparata e tra il 1695 ed il 1701 Sir Christopher Wren ha aggiunto un campanile ed una torre.

Un’ultima letale ferita alla costruzione è stata inferta durante il Blitz del 1941 che ha tuttavia risparmiato le strutture aggiunte da Wren e durante la riorganizzazione della Chiesa Anglicana dopo la Seconda Guerra Mondiale, si è deciso di non procedere alla ricostruzione della Chiesa.

plant

Nel 1967 la City of London ha deciso di convertire i resti e tutto lo spazio circostante in parco che è stato aperto al pubblico nel 1970. I lavori di mantenimento del 2015 hanno visto l’inserimento di nuove piante dando nuova vita a questo incantevole quanto misterioso posto.

Il senso di solitudine che ispira questo posto – non inteso in senso negativo anzi, una via di fuga dalla frenesia quotidiana può regalare un inaspettato ristoro – si arricchisce di curiosità e pace osservando le numerose piante che nel tempo hanno trovato la loro via attraverso le rovine dell’edificio. Tra queste, un insolito esemplare di Drimys Winteri, pianta molto resistente tipica della Terra del Fuoco; ama i climi umidi e freddi ed è ricordata per la corteccia bruno-rossastra…

Per maggiori informazioni sul giardino, come raggiungerlo visitate il sito:

https://www.cityoflondon.gov.uk/things-to-do/green-spaces/city-gardens/visitor-information/Pages/St-Dunstan-in-the-East.aspx

Post Author: Marina Osgnach

Leave a Reply