amazing games

Venues & Events – Southbank Centre Il centro per l’arte conosciuto a livello mondiale sul South Bank del Tamigi

Il Southbank Centre e nel particolare la Royal Festival Hall, ospiterà a Novembre il London Jazz Festival e tra i protagonisti ospiterà…Paolo Conte!

Southbank Centre

Si tratta del luogo, composto da più strutture, dove l’arte in tutte le sue forme trova accoglienza, espressione e condivisione. Le strutture per accogliere eventi e manifestazioni sono principalmente: la Royal Festival Hall (dove è anche possibile trovare la National Poetry Library), la Hayward Gallery, la Queen Elizabeth Hall e Purcell Room.

Royal Festival Hall

Considerata la principale “istituzione” di Londra per la musica classica la Royal Festival Hall apre nel 1951 come parte del Festival of Britain, con una capienza pari a 2500 posti a sedere. Altre strutture incluse sono: The Clore Ballroom, The Poetry Library, Spirit Level (con le Blue, White e Yellow Rooms), Southbank Centre Shop, Riverside Terrace Cafe, Central Bar e Skylon restaurant.

Hayward Gallery

La Hayward Gallery è una galleria d’arte contemporanea e nel programma espositivo prevede un ampio spettro di artisti provenienti da tutto il mondo. Alcuni tra i pionieri dell’arte moderna che hanno esposto presso la galleria sono: Paul Klee, Lucio Fontana, Francis Bacon, Bridget Riley e Anthony Caro.

N.B. Dal Settembre 2015 la Galleria è chiusa per alcuni necessari lavori di riparazione inclusa la sostituzione del tetto dell’edificio Brutalist. Quando nel 2018 riaprirà, le gallerie al piano superiore saranno inondate dalla luce.

Queen Elizabeth Hall e Purcel Room

L’edificio che ospita anche la Purcel Room, venne aperta nel Marzo 1967 da Her Majesty The Queen. L’auditorium ha 917 posti a sedere ed ospita orchestre di musica da camera, quartetti, cori, balletti, opera e teatro.

La Purcel Room ospita normalmente dibattiti e presentazioni oltre ad eventi e performance musicali.

Entrambe le strutture sono attualmente chiuse per lavori di rinnovo e l’apertura è prevista per il 2018.

royal festival hall

 

https://www.southbankcentre.co.uk/venues/royal-festival-hall

What’s on at The Royal Festival Hall?

Oggi parleremo di musica, musica Jazz, protagonista dell’EFG London Jazz Festival (dal 10 al 19 Novembre 2017). L’evento è noto per l’apertura ad un insieme di artisti di varia provenienza, geografica e di background culturale, artisti di consolidata fama internazionale e talenti emergenti, per accogliere un pubblico sempre più ampio tra appassionati del genere e nuovi amanti del Jazz.

Quest’anno il Festival ospiterà Abdullah Ibrahim e Hugh Masekela per ricordare The Jazz Epistles in 1950s South Africa, Marcus Miller con un nuovo progetto, il funky di Average White Band ed anche…Paolo Conte.

Paolo Conte alla Royal Festival Hall – 13 Novembre 2017

L’incantevole cornice del Southbank Centre ospiterà a Novembre Paolo Conte, artista, pittore, poeta e musicista poliedrico ed instancabile. Di seguito ripercorriamo la sua vita artistica attraverso i momenti che hanno segnato la sua carriera confermando ogni volta la sua passione per la creatività, in diverse forme…

Il cantautore nasce ad Asti ed inizia molto presto a coltivare quelle che sono ancora le sua attuali passioni: il jazz e le arti figurative. Tra il 1974 ed il 1975 escono due album che segnano il debutto da protagonista del compositore astigiano. Nel 1984 esce con etichetta CGD l’album Paolo Conte che incontra l’interesse entusiasta del pubblico e della critica. Cominciano successivamente i tours all’estero: Canada, Francia, Olanda, Germania, Belgio, Austria, Grecia e Spagna e due spettacoli al Blue Note di New York. L’album intitolato Tournèe documenta gli spettacoli registrati dal vivo nel 1991, 1992 e 1993 e del 1993 è anche la pubblicazione di “Le parole di Conte” (Ed. Allemandi) che raccoglie i versi delle sue canzoni.

 

http://www.paoloconteofficial.com/

Nel 1996 esce in Europa The Best of Paolo Conte e nel 1998 viene per la prima volta pubblicato negli USA ed a questo segue un tour di successo nelle principali città degli Stati Uniti.

Nel 2000 riesce a realizzare un progetto da anni sognato, un’opera multimediale Razmataz, legata ad un musical ambientato nella Parigi degli anni ’20. La storia che racconta l’incontro tra la vecchia Europa e la nuova musica nera è illustrata da 1800 disegni realizzati dallo stesso Conte.

Seguono riconoscimenti ed onoreficenze – 2001 Francia: Chevalier dans l’ordre des arts et lettres, 2003 Italia, Università di Macerata: Laurea honoris causa – e pubblicazioni destinate all’estero (Reveries, 2003), Elegia, 2004. Nel 2008 esce, distribuito nel mondo da Universal, l’album di canzoni inedite Psiche che sembrano ideate per accompagnare la contemplazione di opere pittoriche.

Nel 2014 escono Paolo Conte The Platinum Collection (una grande raccolta per festeggiare i 40 anni dalla pubblicazione del primo album) e Snob (distribuito sempre da Universal) con 15 brani inediti che testimoniano le origini musicali del compositore ed allo stesso tempo la sua evoluzione attraverso la ricerca continua. Nel 2016 esce Amazing Game, primo album di musica strumentale (distribuito da Decca) con registrazioni per colonne sonore ed a scopo di studio e sperimentazione, contiene molta scrittura ed improvvisazione…

 

Post Author: Marina Osgnach

Leave a Reply