autumn

Consigli utili: 5 parchi per fuggire da Londra senza muoversi da Londra…

Ecco una selezione di Parchi, alcuni tra i più noti della città, con una caratteristica comune: una volta immersi nel verde il traffico londinese è solo un lontano ricordo…

  1. Waterlow Park

E’ stato aperto nel 1891 dalla proprietà di Sir Sydney Waterlow e devoluta al London County Council per dare un giardino a chi il giardino non ce l’ha.

La Lauderdale House, costruita nel 1580, ha ospitato Nell Gwynne, Charles II e Samuel Pepys. Ad oggi è il centro culturale della comunità e caffetteria. Anche i giardini sono stati allestiti intorno al 1580 ed anche al tempo rappresentavano un certa attrattiva per i turisti. Un po’ nascosto rispetto alla parte centrale del parco si trova il community kitchen garden curato da gruppi locali accanto ad un frutteto (community orchard) con piante di mele, pere ed altra frutta.

Troverete una Middle Pond ed una Upper Pond che ospitano fauna selvatica da osservare come anatre, folaghe ed altri uccelli acquatici.

Il Swain’sLane Lodge è una costruzione gotica degli inizi del 19° sec.

Curiosità: il parco confina con Highgate Cemetery dove “riposano” alcuni personaggi noti del panorama culturale inglese e mondiale. Il cimitero si divide i due sezioni: Occidentale (con ingresso a pagamento, 4$) ed una Orientale con accesso consentito solo con tour guidato. Oltre all’atmosfera di profonda tranquillità e silenzio si può scoprire zone elegantemente curate accanto a lapidi di ogni periodo che si affollano e sorgono, visibilmente sconnesse, anche nel bosco che circonda ed occupa fino al suo interno, il cimitero.

waterlow

http://www.waterlowpark.org.uk/media/publications/Waterlow_guide.pdf

2. Battersea Park

Il parco è sito sulla riva sud del Tamigi di fronte a Chelsea. Si estende per quasi un chilometro quadrato e costeggia in tutta la sua lunghezza il fiume. Il parco rappresenta un’ideale fuga dal traffico della città, che una volta all’interno si sente appena ed è meta di passeggiate, corse per infaticabili runners e ciclisti, con bambini o con gli amici a quattro zampe.

All’interno sono presenti fontane che vengono attivate per esibire giochi d’acqua e un caffè. La costruzione più vistosa del parco è un monumento buddista, la Peace Pagoda costruita nel 1985. Il parco è separato dal quartiere di Chelsea dall’Albert Bridge, il ponte dalle mille luci.

battersea park

3. Kensington Gardens

Un tempo parte di Hyde Park a cui è tuttora collegato senza soluzione di continuità, si contraddistingue per tranquillità, eleganza, cura e raffinatezza. Il parco copre un’area a 265 acri o ospita il capolavoro vittoriano dell’Albert Memorial. Ai suoi piedi, dalla scala sottostante si può ammirare la facciata della Royal Albert Hall sul lato opposto della strada. I due monumenti sono divisi dal traffico cittadino e da un ampio e comodo percorso parallelo utilizzato da appassionati runners, a piedi ed in bicicletta.

Il parco è aperto dalle 6 alle 18.45 e seguendo il percorso pedonale, la strada, fiancheggiata da aiuole ricche di piante di ogni genere e fiori, ospita panchine su cui è possibile rilassarsi e osservare gli indaffarati scoiattoli che in questo parco risultano particolarmente socievoli ed interessati a tutto quanto le persone possano offrire loro. Se si tratta di cibo, la conquista è assicurata!

Non serve aggiungere che lungo il percorso troverete numerose aree di sosta e possibilità di ristoro. Tra queste anche la caffetteria accanto alla sezione dedicata agli Italian Gardens.

N.B. Il parco è stato protagonista d’eccezione in diverse pellicole cinematografiche internazionali come Finding Neverlands (2004) e Bridget Jones: the Edge of Reason (2004)

kensington gardens

https://www.royalparks.org.uk/parks/kensington-gardens

4. St. James’s Park

Il parco, che si trova nel cuore della città, copre un’area di circa 57 ettari. La fontana ed il lago sono incantevoli soprattutto nelle giornate assolate ed ospitano una colonia di pellicani da almeno 400 anni (inizialmente furono un dono dell’ambasciatore russo a King Charles II).

La parte immediatamente di fronte a Buckingham Palace ospita i Memorial Gardens o Buckingham Palace Flower beds che seguono la nota forma semicircolare ed un preciso percorso stagionale di rinnovamento delle piante, con la scelta di quelle più adatte alla stagione estiva (gerani) o invernale (viole gialle e tulipani rossi).

Tra la fauna selvatica ancora gli immancabili e socievoli squirrells.

bird

https://www.royalparks.org.uk/parks/st-jamess-park

5. Hampstead Heath

Il Parco, che comprende 792 acri di diverse forme di terreno e vegetazione, rappresenta il punto più alto di Londra ed è anche ciò che rimane della Great Middlesex Forest.

Il Parco ospita l’incantevole Kenwood House, (con le opere d’arte, le stanze arredate ed anche la dependance per la produzione, un tempo, di formaggi, di altri prodotti caseari ed anche…il gelato!) aperta al pubblico per le visite, che consente anche di apprezzare l’ampio spazio verde tutto intorno, i laghetti che ospitano fauna selvatica e i numerosi sentieri che sembrano intrecciarsi e perdersi nel bosco, dove troverete sempre qualcuno che cammina con il proprio cane, che corre o che passeggia in questo angolo della città che letteralmente sembra portare fuori dalla città. Il traffico e la confusione sono così lontani che sembra davvero di non essere a Londra!

Questo solo a scopo introduttivo e di suggerimento per scoprire tutto quanto il parco, nelle diverse stagioni, può offrire.

hampstead

http://www.hampsteadheath.net/index.html

 

Post Author: Marina Osgnach

Leave a Reply