Lettera aperta di Theresa May ai cittadini Ue

Dopo l’annuncio fatto agli italiani poco tempo fa, Theresa May si rivolge a tutti i cittadini europei. Alla vigilia del nuovo incontro tra Regno Unito e Ue, tuttora in corso, la Prima ministra ha rassicurato con una lettera aperta tutti coloro che avevano dubbi sulla Brexit sostenendo di “essere stata chiara durante tutto questo processo che i diritti dei cittadini sono la mia prima priorità”.

Il vertice che si sta tenendo a Bruxelles è una due giorni che dovrebbe andare a chiudere tutto ciò che fino a questo momento l’Unione Europea ed il governo inglese hanno stabilito attraverso faticosi accordi. Le trattative potrebbero poi passare ad una fase successiva, mettendo su un nuovo binario il treno della Brexit. May ha pubblicato direttamente su Facebook la lettera: “I cittadini Ue che vivono nel Regno Unito – ha affermato May – hanno dato un enorme contributo al nostro Paese. E vogliamo che loro e le loro famiglie restino”. E’ un annuncio che va quindi nella direzione contraria alle critiche mosse nei confronti dell’operato di Theresa May: le trattative condotte con l’Ue sarebbero state, secondo alcuni, “viziate” da un atteggiamento che considerava i diritti dei cittadini dei Paesi Ue come fossero una “moneta di scambio”. Oltre ad aver rassicurato i dubbiosi via social network la premier inglese ha spedito e-mail a ben 100mila cittadini comunitari che si erano rivolti proprio a Downing Street per avere spiegazioni sulla propria condizione post Brexit.

Theresa May

“Siamo vicini ad un accordo – ha sottolineato la Prima ministra -. Sono certa che entrambe le parti in gioco terranno in considerazione le reciproche proposte formulate per raggiungere un punto d’incontro con mente aperta”. La conclusione del ragionamento dimostra la volontà del governo inglese di procedere nelle trattative finora intavolate: “Con flessibilità e creatività su tutti e due i lati, credo che potremo terminare la discussione sui diritti dei cittadini nelle prossime settimane”.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply