ghosts

Londra ed i fantasmi per incorreggibili Ghostbusters o curiosi visitatori

A pochi giorni dalla notte di Halloween il passato di Londra emerge dalle nebbie dei ricordi per non far dimenticare vecchie ferite inferte a luoghi e persone. I fantasmi, protagonisti del folklore halloweeniano, evocano anche ricordi di un passato che altrimenti sarebbe presto dimenticato.

Nonostante non si possa parlare di antichi castelli infestati dai fantasmi (come accade per esempio in Scozia), anche Londra offre numerosi spunti e luoghi per riflettere su quanto accaduto ormai anni e anni fa…

Tra i luoghi che “ospitano” fantasmi, c’è anche (che caso!!!): Highgate Cemetery

Inizialmente il cimitero era luogo molto ricercato dove i londinesi desideravano avere uno spazio da dedicare alla memoria dei propri cari.

Dopo la fine della II World War venne lasciato in abbandono e divenne oggetto di profanazioni, riunioni e rituali di oscura natura.

In seguito sono cominciati gli avvistamenti, da parte di comuni cittadini che involontariamente si sono trovati ad avvicinarsi alla zona durante la notte, di sagome dagli occhi di fuoco; cominciò anche a circolare la voce circa la presenza di un vampiro nel cimitero. Questo ha inevitabilmente attratto l’attenzione di giornalisti, televisioni e curiosi senza che riuscissero a trovarlo…

E’ rimasto comunque meta di chiunque voglia fare investigazioni sul paranormale…o di chiunque abbia piacere ad aggirarsi in un giardino silenzioso, tra fiori, alberi, aiuole, scoiattoli, uccelli…ed altre spaventose amenità!

La storia, quella reale…

Con il progetto di Stephen Geary, il cimitero venne aperto nel 1839 e faceva parte del piano dei Seven Magnificent Cemeteries fuori Londra. Originariamente venne dedicato a St. James da Right Reverend Charles Blomfield, due ettari per ospitare i dissenzienti e 15 per uso da parte della Church of England. I diritti di sepoltura potevano essere venduti senza limite di tempo o a tempo determinato.

Anche al tempo era meta di visite in quanto considerato un luogo bello e piacevole, per i fiori, gli alberi, la fauna selvatica e i mausolei e le lapidi risalenti all’epoca Vittoriana, ora facenti parte della zona più antica ad accesso riservato a gruppi limitati in numero.

lebanon circle

https://highgatecemetery.org

E in ricordo dei nostri amici animali: The Victorian Pet Cemetery of Hyde Park

Ebbene si! Non c’era dubbio che i nostri amici rimanessero per sempre nei nostri ricordi, ma ad ospitarli in un cimitero a loro esclusivamente dedicato ci hanno pensato già in epoca tardo-vittoriana.

Nell’angolo a Nord-Ovest di Hyde Park, nascosto dal flusso costante di gente c’è una piccola gemma nascosta. Camminando lungo Bayswater Road è necessario essere estremamente attenti per notare le piccole lapidi attraverso la recinzione…

Come è iniziata la storia? Una coppia con figli veniva spesso a passare il tempo al parco. Quando l’amato e fedele cane morì venne loro in mente che il giardino potesse accogliere la sua sepoltura e nell’anno successivo si unì anche il cane del Duca di Cambridge, morto accidentalmente vicino al luogo di sepoltura. Così, fino al 1903, quando venne ufficialmente chiuso, si sono aggiunte fino a 300 sepolture. Ospita, non solo cani ma anche gatti e le iscrizioni possono indurre confusione, sia per i nomi scelti, sia nel caso in cui legga Monkey o Crocodile…e perchè no?

pet cemetery

https://thecitystory.com/hyde-park-pet-cemetery-london/

Post Author: Marina Osgnach

Leave a Reply