Londra e Milton Keynes unite per l´auto elettrica

Milton Keynes, a nord ovest di Londra, cerca di far conoscere le potenzialità delle auto elettriche. Renault, Nissan, Volkswagen, Mitsubishi, Kia e BMW si sono messe d´impegno per esporre in uno showroom ben 59 veicoli tutti da provare. 

Grazie al contributo garantito dal governo britannico le case automobilistiche presenti hanno deciso che in questo caso la vendita non sarà l´obiettivo finale. All´interno del centro commerciale che ospita l´iniziativa ´Electric Vehicle Experience Center´ non è infatti prevista la commercializzazione del prodotto: per quest´aspetto (tutt´altro che irrilevante) è necessario rivolgersi ai tradizionali concessionari. Quel che importa davvero in un´occasione come questa è l´esposizione al pubblico di una tecnologia che potrebbe migliorare la vita e le condizioni ambientali in diversi angoli del nostro pianeta. “Lo scopo – sostiene Ed Jones, il manager Nissan per le auto elettriche – è assicurarsi che chi ci viene a visitarci esca dal nostro showroom con la mente più aperta per l´acquisto di un veicolo elettrico”. Raggiungere la possibilità di viaggiare riducendo al massimo le emissioni nocive sembra un traguardo piuttosto lontano oggi come oggi. L´Electric Vehicle Experience Center ha “un valore per il marketing – continua Jones intervistato su Automotive News Europe – piuttosto che per le vendite fini a se stesse”. Il cammino forse è ancora lungo quindi, ma delle avvisaglie positive compaiono qua e là. L´evento organizzato a Milton Keynes non è il primo di cui arriva notizia: anche negli Stati Uniti, per la precisione in Oregon, ne è stato preparato uno simile pochi mesi fa.

auto elettrica

All´inizio era stata la Hyundai a tenere aperto un salone con delle auto elettriche, nel 2015, a sud-est di Londra. Per 12 mesi i visitatori avevano potuto informarsi e conoscere nuovi modelli ad emissioni zero. Attualmente anche Tesla sta facendo la stessa cosa in un altro spazio vicino al centro della capitale britannica.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply