Napoli Trip

Bollani in un “Napoli Trip” che giunge fino a Londra

Sulla scia di altri grandi musicisti, torna a Londra anche Stefano Bollani. L´attesa per gli ammiratori del pianista e compositore milanese sta per finire: l´artista salirà, il 18 novembre prossimo, sul palco della Cadogan Hall nella cornice del London Jazz Festival. A formare un quartetto con lui ci saranno il sax di Daniele Sepe, la batteria di Bernardo Guerra ed il clarinetto di Nico Gori.

Attingendo dai pezzi registrati nell´ultimo disco “Napoli Trip” (2016) il concerto si focalizzerà principalmente sulla musica napoletana, di cui è un grande rappresentante ormai da anni proprio Daniele Sepe con il suo folk. La performance che si terrà qui nella capitale inglese non è altro che un omaggio a Napoli: grandi classici come O´Sole mio, canzoni di Pino Daniele e molto altro vengono riprese e riproposte in chiave jazz. In realtà l´intero concerto sarà tutt´altro che avaro di sorprese. Sul palco le formazioni si alterneranno ed i musicisti sapranno trasmettere l´energia giusta di volta in volta per stupire il pubblico presente. “Glitters with invention” è stata la definizione di the Guardian per Bollani e per la musica che è capace di portare sul palco. L´improvvisazione, lo humour ed il calore umano del pianista sono conosciuti da anni: Stefano Bollani può vantare 44 album già registrati (ha 45 anni) ed una lunghissima serie di collaborazioni con moltissimi colleghi.

bollani

Non possiamo certo dire che fino ad oggi Bollani abbia risparmiato le energie. Ha suonato insieme a jazzisti come Chick Corea, Gato Barbieri, Richard Galliano e con altri mostri sacri come Caetano Veloso o Pat Metheny, senza dimenticarsi i tantissimi dischi incisi con Enrico Rava. Diverse anche le orchestre sinfoniche con cui ha lavorato ed i musicisti pop e rock che lo hanno affiancato dal vivo in più occasioni.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply