cappuccetto rosso

Cappuccetto Rosso, una fiaba “senza fine”

Il Polka Theatre ospita una delle favole più amate da grandi e piccini, quella di Cappuccetto Rosso. Domenica 29 ottobre lo spettacolo, in lingua italiana, sarà naturalmente dedicato ai più giovani anche perchè si svolgerà sul palco di un teatro che ha la comprovata abitudine ad accogliere il mondo dell´infanzia. L´ingresso è libero e l´organizzazione è dell´Istituto italiano di Cultura in collaborazione con la Scuola Italiana a Londra.

Sulla scena ci saranno due attori con il compito preciso di raccontare l´uno all´altro la fiaba di Charles Perrault (il primo ad averla messa per iscritto). I protagonisti interpreteranno di volta in volta i diversi personaggi della fiaba, giocando proprio come fanno i bambini, in una sfida per decidere chi potrà vestire alla fine i panni del “lupo cattivo”, vero personaggio-fulcro della vicenda. Il percorso che Cappuccetto Rosso compie dall´inizio alla fine segue la tradizionale trama fino a quando finisce per diventare il ´boccone prelibato´ del lupo che adopera l´inganno per i propri malefici scopi. A questo punto della rappresentazione però i due attori non si fermano. Il loro desiderio è quello di rivivere tutta la parabola: la storia di Cappuccetto Rosso è per i più piccoli un´avventura tutta da sperimentare, con colpi di scena e sorprese. Come ogni bimbo ama sentirsela raccontare più e più volte, anche i due protagonisti desiderano ricominciare da capo. La produzione teatrale è a cura de La Baracca Testoni Ragazzi, il Teatro stabile d´Innovazione per l´infanzia e la gioventù nato nel 1976, che ha al suo attivo all´incirca 150 titoli e oltre 10.000 repliche (in tutto il mondo).

La Baracca Testoni Ragazzi

La speciale performance è raccomandata per spettatori compresi tra i 3 e gli 8 anni d´età, ed avrà luogo nel primo pomeriggio dalle ore 14.30 fino alle 15.30. Quella presentata è una drammaturgia davvero originale che gode di uno spazio specifico, dove nel tempo si sono alternate produzioni come l´Opera appositamente costruita per bambini e anche alcune Prime mondiali di teatro sempre per ragazzi fino a 14 anni.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply