mauro pina

La musica ed il debutto di Pina nel Regno Unito col primo disco

Dopo l’Italia il cantante Mauro Pina ha portato il suo primo album a Londra. “L’ho scritto io” è uscito la scorsa primavera e rappresenta il debutto discografico per il comasco che, negli ultimi anni, ha quasi sempre lavorato nei piano bar italiani. Grande fan dei Beatles, Pina ha collaborato con Rosalinda Celentano (una delle figlie del ‘molleggiato’) in questo disco prodotto da Zurigo Investments Management insieme a Isle of Man Investments Group. Autore di gran parte delle liriche insieme a Patricia Stancich, Mauro Pina è un polistrumentista, la cui musica spazia tra pop, rock ‘n’ roll e soft rock. Ha esordito al Ciro’s Pomodoro di Londra dove Marco Gafarelli Ljdm media partner della serata ha invitato la presentatrice model ambassador inglese Deborah Jay Kelly.
Abbiamo incontrato Mauro e gli abbiamo fatto qualche domanda.

  • Sei arrivato al tuo primo album all’età di 51 anni ma hai sempre fatto musica. Come stanno le cose ?

A parte alcune band giovanili fondamentalmente ho lavorato quasi sempre da solo. A fine anni ’90 ho collaborato con Dario Baldan Bembo e sono finito in una compilation. Nel 2005 ho coronato uno dei miei sogni, diciamo cosí, proprio qui a Londra: ho preso parte ad un tributo ai Beatles ed abbiamo registrato con altre Beatles-band nei celebri studi di Abbey Road. Purtroppo devo ammettere che in Italia il mercato per chi fa musica è molto chiuso.

  • Te la sei cavata lo stesso però.

Non è facile, specialmente in provincia e quindi anche in Brianza, da dove vengo. In Italia c’è spazio per le cover band, ma io lavoro per larga parte a Como come piano-barista, in particolare in location come Villa d’Este soprattutto nel periodo compreso tra maggio e ottobre. Ho partecipato a concerti e tributi dedicati a Lucio Battisti, ai Deep Purple ed ai quattro di Liverpool. Al 90% canto in inglese: lo testimonia anche il mio album con alcuni pezzi scritti nella lingua del rock. Amo cantare in inglese.

album

  • Com’è avvenuto l’incontro con Rosalinda Celentano che ha cantato nel tuo disco in “Sei fantastico” (e non solo) ?

Il nostro incontro è avvenuto grazie a Efrem Sagrada, il mio promotore, che mi sta seguendo nei showcase e che mi accompagna negli appuntamenti che abbiamo fissato, come quello di oggi. Prima del Regno Unito abbiamo fatto tappa anche in Olanda. Quando ancora il disco non era uscito, per conto mio, ho fatto un concerto in Lettonia, a Riga, all’inizio dell’anno. I Paesi dell’Est Europa forse potrebbero fare al caso mio: sembra che apprezzino la musica che faccio.

  • Tra 10 giorni uscirà il secondo singolo estratto da “L’ho scritto io”, giusto ?

Esatto, il titolo della canzone è “Ora basta”. Seguirà anche il videoclip del brano. Sto pensando che al ritorno in Italia avremo accumulato un po’ di esperienza in più e presto saremo pronti a ripartire di nuovo. Credo che all’estero le cose potrebbero essere più semplici per noi. Abbiamo nuovi progetti in cantiere e chissà …All’orizzonte potrebbe anche esserci qualcosa di importante in Italia. Ora è ancora presto per dirlo però…

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply