theresa-may

I Servizi del Regno Unito hanno sventato un attentato alla May

Il Security Service britannico ha rivelato che è stato sventato un tentativo per uccidere la Presidente Theresa May pochi mesi fa. Times e Daily Telegraph hanno diffuso la notizia che si fonda sul rapporto presentato al Governo da Andrew Parker, direttore del Military Intelligence, sezione 5 (MI5), l’ente che si occupa del controspionaggio nel Regno Unito.

La sicurezza della Premier sarebbe stata a rischio a causa di qualche altro lupo solitario collegato sempre allo Stato Islamico. Il rapporto di Parker farebbe riferimento ad almeno altri otto piani, oltre a quello per eliminare Theresa May, che Polizia e servizi britannici sono riusciti a prevenire e che avrebbero potuto realizzarsi in seguito all’attentato dello scorso marzo a Westminster. Non possiamo certo affermare che il rapporto colga però tutti di sorpresa: tra Manchester e Londra sono stati già cinque gli attentati nel 2017 e soltanto l’ultimo non ha causato vittime, quello dell’ordigno esploso nella metropolitana a Parsons Green. In quasi tutti questi casi (tranne quello della moschea del 19 giugno) la rivendicazione è stata fatta dall’Isis: il computo totale dei morti è stato finora di 36 persone. La Gran Bretagna non sta vivendo affatto un periodo tranquillo, e anche nelle ultime settimane si alternano falsi allarmi per episodi che richiedono accurati controlli da parte del Security Service e di tutte le forze di Polizia che vigilano notte e giorno nelle stazioni, per le strade e nei quartieri.

Andrew Parker

Il progetto sventato per attentare alla vita di Theresa May avrebbe dovuto aver luogo proprio a Downing Street, dove si trova la residenza ufficiale della Prima Ministra. Dopo la detonazione di una bomba, il tentativo del terrorista si sarebbe realizzato con un assalto fisico armato di coltello, cercando di approfittare del caos generato dall’esplosione. L’intento era quello di oltrepassare i cancelli del numero 10. Un vero colpo al cuore della capitale britannica e di tutto il mondo occidentale.

Post Author: Lorenzo Mansutti

Leave a Reply