EURO2020

Stadio Olimpico e Wembley aprono e chiudono gli Europei 2020

I prossimi Campionati Europei di calcio si terranno nel 2020 e, per la prima volta, saranno giocati in 12 diverse città attraverso differenti stati europei. In particolare il Regno Unito e l’Italia sono accomunati da una “staffetta” a grande distanza, dato che saranno rispettivamente il Paese che chiuderà la 16° edizione e quello che la aprirà. E’ prevista a Roma la gara inaugurale, mentre Londra sarà la sede delle semifinali e della finalissima.

Inizialmente sembrava che alcune gare avrebbero dovuto disputarsi nel nuovo stadio di Bruxelles che non potrà però essere finito in tempo utile: la sede belga è stata perciò scartata dalla prossima edizione continentale. Un’altra novità è costituita dal fatto che non è prevista una squadra presente di diritto perchè figura rappresentante di un Paese ospitante come in passato: la formula adottata ha eliminato questo privilegio alla partenza. Le altre città coinvolte dagli Europei di calcio 2020 sono: Baku (Azerbaijan), Bucarest (Romania), Amsterdam (Olanda), Bilbao (Spagna), Dublino (Irlanda), Copenaghen (Danimarca), Budapest (Ungheria), Glasgow (Scozia), Monaco (Germania) e San Pietroburgo (Russia). Lo Stadio Olimpico aprirà ufficialmente il torneo, mentre lo storico impianto di Wembley sostituirà quello di Bruxelles per quattro partite a cui vanno aggiunti i match delle fasi finali: nei fatti Londra diverrà la città che accoglierà il maggior numero degli incontri.

Stadio Olimpico

Tutto da scoprire è invece il ‘doppio binario’ che permetterà alle Nazionali di qualificarsi a Euro 2020. Oltre ai classici gironi all’italiana che assegneranno 20 posti alle prime classificate, altre 4 possibilità per accedere arriveranno dalla nuovissima UEFA Nations League. A cadenza biennale, la UEFA Nations League sarà un torneo tra le 55 Nazionali europee che si terrà per la prima volta dopo i Mondiali 2018: un sistema sicuramente da sperimentare e che potrebbe stravolgere le tradizionali abitudini delle Federazioni calcistiche dopo un periodo intenso e delicato come di solito è l’anno dei Mondiali.

Post Author: Michele Pesce