queen-elizabeth

Tra pochi mesi entrerà in funzione la nuova linea Elizabeth

Le undici linee della metropolitana di Londra diventeranno presto dodici. La nuova linea in arrivo sarà dedicata alla Regina d’Inghilterra e verrà chiamata “Elizabeth” in suo onore. Il colore lilla sarà quello che la distinguerà da tutte le altre: già adesso la rete dell’Underground conta infatti su ben 402 km e 270 differenti stazioni. Tra un anno esatto verrà aperto il primo tratto dell’Elizabeth line ed a questo seguiranno gli altri fino al completamento nel 2019.

La nuova rete di tunnel prevista per la futura linea del Tube londinese verrà percorsa ogni ora da 15 treni che inizieranno a viaggiare tra la stazione di Paddington e l’aeroporto di Heathrow, e tra la prima ed Abbey Wood. L’ultimo tragitto dei tre, che inizialmente saranno aperti agli utenti, sarà quello compreso tra Liverpool Street e Shenfield. Transport for London, l’agenzia dei trasporti pubblici, ha in previsione il collegamento finale tra le tre rotte dalla primavera del 2019. Da lì a qualche mese poi i lavori si chiuderanno ed “Elizabeth” entrerà in funzione accanto alle altre linee della metropolitana che tutti i giorni vengono percorse da migliaia e migliaia di cittadini e turisti. Le più antiche risalgono addirittura al 1863: all’epoca furono inaugurate l’Hammersmith & City line e la Metropolitan line, mentre cinque anni più tardi si aggiunse già la District line. Prima del 1900 altre tre linee portarono il totale della rete metropolitana a sei, facendo di Londra una città molto avanti con i tempi.

line-map

Tra poco tempo quindi ogni viaggiatore da Reading potrà attraversare il centro della città passando per Ealing Broadway, Paddington, Bond Street, Tottenham Court Road, Liverpool Street, Stratford fino ad arrivare a Shenfield. In aggiunta a ciò la Regina Elisabetta II potrà vantare due linee dedicate a se stessa. Oltre alla nuovissima Elizabeth line c’è infatti anche la Jubilee line che celebrò i 25 anni del regno della sovrana e che iniziò a funzionare nel 1979.

Post Author: Lorenzo Mansutti