Pallone-Rugby

Italia ed Inghilterra subito contro nel Sei Nazioni di rugby

Il Torneo Sei Nazioni è iniziato e per l’Italia è arrivata la prima sconfitta contro l’Inghilterra. Al di là del risultato finale (15-46) la giovane nazionale azzurra di rugby ha ben figurato in questa prima apparizione, rimanendo in partita fino quasi al termine del match. La vittoria degli inglesi allo Stadio Olimpico di Roma davanti a 20mila tifosi britannici era difficile da scongiurare, data la forza dei campioni uscenti.

L’incontro tra i trionfatori del Torneo 2017 e coloro che si erano classificati ultimi (senza riuscire a collezionare nessun punto nella classifica finale) è stato più combattuto del previsto. Davanti ai 62mila spettatori presenti all’Olimpico l’Italia ha tenuto testa in modo dignitoso senza tirarsi mai indietro e provando sempre a giocare la sua partita. Gli azzurri hanno pagato dazio soltanto nel finale di gara quando l’Inghilterra ha preso il largo e ha portato a casa un risultato più ampio di quanto s’era visto per gran parte del match. Neanche tre minuti di gioco e gli inglesi si portavano in meta, e si ripetevano pochi minuti dopo con lo stesso realizzatore (Watson). Trascorsi però i primi 11 minuti l’Italia ha reagito ed è riuscita a farsi sotto rientrando in partita: anche i Bianchi sono tornati a punti ma l’Italia ha fatto lo stesso ed alla fine del primo tempo di gioco il risultato era di 10-17 in favore dei Campioni del Torneo 2017. Alla fine si contava una sola meta di distanza tra le due squadre al rientro negli spogliatoi.

6-nazioni-2018

 

Nel secondo tempo un’Italia troppo fallosa (5 falli in 10 minuti) aiutava gli avversari che salivano a +17 punti: nonostante ciò gli azzurri non si sono abbattuti e hanno riguadagnato terreno. L’Inghilterra è riuscita a tracciare un largo solco solo a fine match: le tre mete finali hanno restituito i valori in campo ma l’Italia è uscita lo stesso fra gli applausi. Il prossimo appuntamento è a Dublino dove gli italiani incontreranno la forte Irlanda.

Post Author: Lorenzo Mansutti