Elezioni 2018. L’Italia vista da Londra

 

Le reazioni sulla tornata elettorale italiana assumono toni quasi apocalittici sulle prime pagine di alcune testate inglesi, l’insistenza su alcuni temi come instabilità politica e tendenze euroscettiche sommate al populismo si sprecano. Le forze anti establishment fanno paura al di qua della Manica, terra di Brexit.

Nel mirino il Movimento 5 Stelle che, ahimè, è oggi il primo partito e si appresta a svolgere un ruolo centrale nella formazione del prossimo governo. E nel mirino rimane il comico Beppe Grillo, un personaggio incomprensibile per gli standard britannici. Si pone l’attenzione su slogan come l’uscita dalla moneta unica ed euroscetticismo, cavalli di battaglia del movimento via via mitigati durante la campagna elettorale, scordando temi come reddito di cittadinanza e questione morale, base della politica pentastellata.

Paura, odio e ascesa della destra ” titola The Telegraph, mettendo in rapporto direttamente proporzionale i buoni riscontri della Lega e del centrodestra con uno scontato aumento di odio e paura – nei confronti degli immigrati, si sottolinea nell’articolo. Rimane indigesta l’appartenenza della Lega all’Eurogruppo insieme al Front Nation di Le Pen e altri partiti sovranisti. L’enorme ondata di migranti che ha colpito l’Italia, lasciata sola a fronteggiare l’emergenza, sembra un dettaglio di secondo piano, al pari della gestione fallimentare della sinistra.

Prima dell’inzio della consultazione la CNN si era preoccupata dei  giovani italiani residenti a Londra: “ Sono spaventati di rientrare a casa ” titola l’articolo – la consultazione elettorale potrebbe portare dei sconvolgimenti tali da costringere chi si è trasferito all’estero ad un esilio prolungato? Disoccupazione giovanile al 32%, precariato diffuso, oppressione burocratica, nepotismo ed assenza di meritocrazia nei posti di lavoro: questa è la situazione attuale del paese, ma è proprio la volontà di cambiamento espresso dal voto popolare a interessare l’italiano all’estero, non la continuità del sistema attuale.

 

Attira e diverte il pubblico il siparietto di cui è stato involontario protagonista Berlusconi, il video della ragazza appartenente al gruppo Femen, a seno nudo sopra il seggio elettorale è diventato virale. Il leader di Forza Italia non si è scomposto più di tanto, abituato a ben altri spettacoli… e comunque non ha aiutato il suo partito ad attirare gli ultimi indecisi.

 

Non potevano mancare l’elenco di disguidi, come le code in alcuni seggi, causate dal nuovo bollino antifrode, errori nella distribuzione delle schede ed errori di stampa delle schede stesse, aperture in ritardo dei seggi.

Queste sono le elezioni viste dall’UK, nullaltro che la solita disorganizzazione e caos politico italico, penserebbe scuotendo sconsolato la testa il lettore medio inglese.

Post Author: Michele Pesce