Real Italian Wine & Food London

L’ottava edizione del Real Italian Wine & Food (RIWF), l’evento enogastronomico dedicato al mercato del Regno Unito, si svolgerà come sempre nel prestigioso Church House Conference Center, nel cuore di Londra, Westminster, dalle 10 del mattino alle 18, giovedì 8 novembre 2018.

L’edizione dello scorso anno 2017 di Real Italian Wine & Food era stato un grande successo. Avevano partecipato oltre una cinquantina di aziende italiane, equamente suddivise tra il settore del vino e quello agroalimentare. Come sempre, i produttori provenivano da varie regioni italiane: Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Sicilia e Veneto.

 

 

Il mercato di Londra indica un segno positivo con il numero sempre crescente di aperture commerciali italiane, come ristoranti, salumeria ed enoteche. Decine di esperti britannici avevano degustato una selezione dei migliori vini della Sardegna in una Master Class: da Cannonau a Vermentino, da Carignano a Monica “. La presentazione dei vini sardi durante un Masterclass di un’ora era stata svolta da Peter McCombie, Master of Wine, tra i più rinomati esperti di vino italiani nel Regno Unito.

Anche quest’anno con Real Italian Wine & Food, l’Italia ha un evento a Londra dedicato ai professionisti ed offre un’eccellente selezione di vini e cibo, sia già distribuiti che senza un distributore britannico. I produttori italiani che partecipano al RIWF sono produttori e commercianti di dimensioni medio-grandi, oltre a quelli più piccoli.

Al Real Italian Wine & Food, sono invitati solo professionisti del settore, tra cui: agenti distributori acquirenti per ristoranti, commercianti di vino, negozi di specialità gastronomiche e rivenditori online, chef sommelier, giornalisti e critici dei media.

The Real Italian Wine & Food offre ai professionisti del commercio un’eccellente opportunità per stabilire un contatto diretto con produttori e commercianti selezionati. Allo stesso tempo, attraverso una serie di seminari tenuti durante l’evento, il RIWF offre anche l’opportunità di acquisire una migliore comprensione dei prodotti e delle aree in Italia in cui vengono coltivati.

Post Author: Cinzia Villa