Mahmood raddoppia: due le date a Londra in ottobre

Cresce l’attesa per l’arrivo a Londra del rapper italiano Mahmood, e dopo il sold out della data del 27 ottobre ne è stata aggiunta una seconda il 26 ottobre, sempre presso l’Under the Bridge di Fulham.

Oltre ai due concerti londinesi, l’Europa Good Vibes tour di Mahmood farà tappa, dopo l’esordio previsto a Lugano il 23 ottobre, a Zurigo, Parigi, Berlino, Madrid e Barcellona: le vibrazioni che attendono il vincitore di Sanremo 2019 sono ottime.

 

È questa la seconda occasione nel giro di pochi mesi per un live del rapper nella capitale inglese perché come rappresentante italiano all’Eurovision Song Contest 2019 tenutosi in Israele, aveva partecipato ad un party ufficiale al Cafè de Paris, e la risposta del pubblico presente è stata a dir poco calorosa. È il preludio di un ottimo secondo posto nella finale del 18 maggio, dove Mahmood presenta una versione di 3 minuti di Soldi, durata massima di una canzone così come prevede il regolamento, e si aggiudica il premio per la miglior composizione, risultato mai raggiunto precedentemente da un italiano.

Il 2019 è davvero un anno da favola per Mahmood, oltre alla vittoria a Sanremo e il podio all’Eurovision si aggiungono i numeri da capogiro delle visualizzazioni del suo singolo su Youtube, oltre i 120 milioni, il record di streaming su Spotify – 137.000 il solo giorno dell’esordio sulla piattaforma – i 3 dischi di platino in Italia e i dischi d’oro in Spagna, Svizzera, Olanda e Grecia, e il successo del suo primo album Gioventù bruciata, primo posto in classifica al debutto e disco d’oro a breve, a cui fa seguito il Good Vibes Tour nella penisola e in Svizzera.

Dalla non troppo fortunata partecipazione a X-Factor nel 2012, con l’eliminazione alla terza puntata, la carriera del milanese Alessandro Mahmoud ha preso una direzione vincente, grazie certamente alla formazione musicale iniziata in giovane età e lo studio presso il Centro Professionale per la Musica di Milano; decisiva si è rivelata la partecipazione a svariati concorsi e i numerosi progetti che lo hanno affiancato a nomi noti del panorama rap come Fabri Fibra e Gué Pequeno, oltre alla composizione di 2 brani per Marco Mengoni.

My mood, ovvero Mahmood: gioventù bruciata, maledetta ma con una prospettiva, quella di continuare a raccontare il suo stato d’animo.

Michele Pesce

 

 

Post Author: Michele Pesce