A Natale Help Refugees

A Natale Help Refugees apre il suo “Choose Love”

 

Dopo lo store online (https://helprefugees.org) l’organizzazione Help Refugees apre anche il

negozio temporaneo. Dal 24 novembre al 31 gennaio chiunque potrà comprare alcuni

prodotti che verranno poi dati ai migranti ed ai richiedenti asilo che cercano di arrivare in

Europa. Lo spazio, chiamato “Choose Love”, si trova a Soho ed è stato donato da Shaftesbury

mentre la scelta degli oggetti da acquistare è stata realizzata direttamente da Help Refugees.

In vista delle feste del Natale l’organizzazione umanitaria ha pensato che un regalo utile e

solidale sarebbe un gesto importante per esprimere una vicinanza di cui molti oggi hanno

bisogno. Scarpe per i più piccoli, coperte per le emergenze, calzini o anche credito per i

cellulari (mezzi indispensabili per chi è lontano da amici e casa): “Ogni articolo in vendita – ci

tengono a sottolineare quelli di Help Refugees – è accompagnato da racconti su come e perchè

è stato scelto”. I fondi che verranno raccolti alla fine del periodo d’apertura del locale saranno

tutti destinati a supportare il lavoro che l’organizzazione porta avanti in Medio Oriente ed in

Europa. “Choose Love” è anche un progetto volto a sensibilizzare le persone: la scelta dei

prodotti si fonda su tre diversi momenti che i migranti si trovano a vivere. L’arrivo attraverso

un lungo viaggio (spesso pericoloso), il passaggio nei campi per profughi ed infine l’inizio di una

nuova vita. Ad ogni fase sono stati associati diversi oggetti che spesso mancano e non sono

reperibili e che invece sono indispensabili: è emblematica la possibilità di acquistare zaini per la

scuola. Un accessorio tutt’altro che scontato per un bimbo che non ha più nulla.

Nel negozio, al numero 18 di Broadwick street, lo staff di Help Refugees spiegherà agli

avventori che tipo di lavoro e sostegno viene dato ai rifugiati ed a tutti quelli che

intraprendono viaggi così duri. Trovare migliori condizioni di vita rispetto a quelle di Paesi

martoriati da guerre, dittature o, più semplicemente, dalla povertà è un’esperienza che

purtroppo prosegue da secoli e secoli.

Post Author: Lorenzo Mansutti