La storia di “Fortunata” è in arrivo anche a Londra  

La storia di “Fortunata” è in arrivo anche a Londra

 

Tornano i film curati da CinemaItaliaUk. Domenica 10 dicembre è, infatti, la volta di

“Fortunata” per la regia di Sergio Castellitto. Il lungometraggio, che è uscito nelle sale italiane

nel 2017, verrà proiettato al Genesis Cinema. Protagonista della storia è l’attrice Jasmine

Trinca, che per questo ruolo ha ricevuto “Un Certain Regard” come miglior interpretazione al

Festival di Cannes dello scorso maggio. Nel cast c’è anche Stefano Accorsi.

Sceneggiato dalla scrittrice (e moglie di Castellitto) Margaret Mazzantini, “Fortunata” narra le

vicende di una donna e della sua piccola figlia. Passata attraverso un matrimonio purtroppo

finito male, Fortunata (è anche il nome del personaggio principale) vive in periferia e da qui

gira per i quartieri di tutta la città per svolgere il proprio lavoro di parrucchiera. Casa per

casa, a diretto contatto con le sue clienti, cerca di guadagnare il necessario per sé e la sua

bambina in attesa di essere davvero autonoma in ogni cosa. Soprattutto nel lavoro. Lo scopo

finale di Fortunata è quello, un giorno, di poter aprire un’attività tutta sua, continuando a fare

il proprio mestiere. Una storia di normalità e riscatto che, ai giorni nostri, non sempre è così

scontata. Con quest’opera Sergio Castellitto è arrivato al suo sesto film da regista, dopo

molte prove d’attore dal 1981 ad oggi, nel cinema e nella televisione.

Oltre all’importante riconoscimento ottenuto a Cannes “Fortunata” ha avuto ottimi riscontri

anche durante le premiazioni dei Nastri d’argento di Taormina: in particolare Jasmine Trinca

s’è ripetuta ricevendo il titolo di “Miglior attrice protagonista”, ma anche un altro attore,

Alessandro Borghi, è stato premiato come “Miglior attore non protagonista”. Il premio per il

“Miglior sonoro in presa diretta” è andato, invece, al tecnico del suono Alessandro Rolla. Il film

di Sergio Castellitto sarà presentato in sala alle 18 della sera per un solo spettacolo.

Post Author: Lorenzo Mansutti