Primi passi verso la Brexit, la legge quadro avanza

Primi passi verso la Brexit, la legge quadro avanza

 

La Camera dei comuni ha approvato una legge che è un primo passo in direzione della Brexit. Il

suo nome è “Great Repeal Bill” e potrà cancellare 12mila norme dell’Unione europea. Pur con

una maggioranza non fortissima, infatti, il governo conservatore di Theresa May ha avuto la

meglio in aula sugli oppositori all’uscita del Regno Unito dall’Europa.

Con questa votazione, avvenuta nella notte di lunedì, Londra ha portato avanti una legge

quadro che, al momento della Brexit (non prima di due anni da oggi), permetterà di far entrare

le norme europee in questione all’interno del diritto britannico. Da qui in seguito discenderà la

possibilità di scegliere quali leggi mantenere, quali soltanto modificare e quali invece

cancellare completamente. La Camera dei comuni ha portato il seguente responso in termini

numerici: 326 voti a favore del Great Repeal Bill e 290 contrari. In conclusione perciò i tories

sono riusciti a tenere le fila del proprio gruppo meglio di quanto ci si sarebbe aspettato, mentre

per i laburisti ed i liberaldemocratici, entrambi all’opposizione, la primissima battaglia contro la

Brexit è andata persa.

A questo punto però il disegno di legge passerà al vaglio della commissione dove laburisti e

liberal non si esimeranno certo dal tentativo di apportare gli emendamenti desiderati, per

arrivare ad ottenere un testo diverso da quello attuale. Il referendum vinto dai pro-Brexit

appena l’anno scorso trova quindi le prime conferme. Ovviamente felice del risultato ottenuto

la prima ministra May, che ha ora a disposizione delle basi più solide per procedere nei

negoziati con Bruxelles. Deluso il leader laburista Jeremy Corbyn che ha commentato

sconsolato l’esito del voto, così come l’altro leader, quello dei liberaldemocratici, Vince Cable.

Post Author: Lorenzo Mansutti